Blog Image

modiamofashion

Il blog che parla di stile e di fashion con una sfumatura di gossip

Ida Paro: blogger, style consultant, personal shopper

La cravatta di Marinella

Xmas Posted on 12 Dic, 2022 13:34

Le cravatte di Marinella a Napoli sono un’autentica istituzione: da oltre un secolo significano stile, prestigiosa artigianalità e “napoletanità”.

Il regalo più goloso da fare e da ricevere a Natale: altroché panettone!

La “cravatta di Marinella” non ha mai avuto bisogno di pubblicità. Con naturalezza rappresenta da sempre il perfetto completamento dell’abito sartoriale.

Impeccabile e indispensabile: un must per ogni guardaroba maschile degno di tale nome.

Ma da qualche giorno Marinella è anche un francobollo, della serie tematica “Le eccellenze del sistema produttivo ed economico”. Un ghirigoro politichese per dire “orgoglio italiano”.

Dal 1914 a Riviera di Chiaia, Napoli.

home



Struscio, impraticabile eresia

life Posted on 01 Apr, 2021 13:56

Nel tritacarne della pandemia è finito anche lo Struscio: meraviglioso ed antichissimo “rito” della Settimana Santa mediterranea, irrinunciabile come la pastiera di grano, il casatiello, i deliziosi carciofi “arrustuti” e le uova sode. Sinonimo stesso di “assembramento“.

Quindi impraticabile “eresia” nella Pasqua anti-Covid.

Fino a due anni fa lo Struscio animava la sera del Giovedì Santo quando fedeli (e non), col pretesto di visitare i sepolcri in almeno tre chiese, passeggiavano a braccetto fermandosi a chiacchierare infinite volte con infiniti conoscenti incontrati nelle vie gremite e dolcemente illuminate dei centri storici.

L’aria odorosa di fiori, di incenso, delle pastiere appena sfornate dai panettieri aperti fino a tardi… una vera goduria.

Lo Struscio coinvolgeva intere generazioni, dalla bis-bisnonna al bebé. Per l’occasione si ingegnavano con orgoglio i vestiti leggeri, appena acquistati: vietati gli abiti invernali. Se faceva freddo bisognava battere i denti con stile lasciandosi andare alla piacevolezza di una movida pasquale che sapeva di primavera, di rinascita, di innamoramento e di socialità ritrovata dopo l’isolamento invernale.

Appena ieri, appena centinaia e centinaia di anni fa.

Quando il Vicereame spagnolo importava a Napoli il divieto delle carrozze nella Settimana Santa, per evitare assembramenti (!) in via Toledo. Popolino e nobiltà, tutti a piedi. Senza fretta: il passeggio dei Sepolcri cadenzato dallo strusciare delle scarpe sul selciato, dal fruscio del vestito buono.

Giovedì Santo ‘o «struscio» è nu via vaie:/Tuledo è chiena ‘e gente ‘ntulettata,/ca a pede s’ha da fa’ sta cammenata,/pe’ mantene’ n’usanza antica assaie./– Mammà, ci andiamo? – Jammo. Ma che faie?/– Vediamo due sepolcri e ‘a passeggiata./E ‘a signurina afflitta e ‘ncepriata/cerca ‘o marito ca nun trova maie (…).

La pandemia cancella con lo Struscio una tradizione “minore” che forse non tornerà più, sostituita dalla socialità igienizzata di feisbùk e vuotsàpp. E’ il “vezzo inutile” che si arrende all’emergenza-perenne, al Covid prepotente e misterioso che annienta le persone e il tessuto socio-culturale latino.

Che divora religiosità, memoria e tradizioni forse anacronistiche ma che ci caratterizzano, ci nobilitano. Ci salvano dalla barbarie dell’omologazione.

home